2013-02-02 Per questo si manifestò il Figlio di Dio: per distruggere le opere del diavolo (1Gv 3,8)

Presentazione del Signore
2 febbraio 2013

Alcuni anni fa, un sacerdote della Diocesi di Ambrogio e Carlo, in ordine allo scandalo di proiezioni filmiche erotiche (o comunque in vario modo sconvenienti) nelle sale dei cinema parrocchiali, ci disse che non è giusto che da una parte la Chiesa, mediante il loro ministero di presbiteri, abbia come compito primario - ricevuto direttamente dal Signore Gesù (Giovanni 22,23) - quello di assolvere le anime dal peccato - riscattandole dalla opprimente tirannia di satana, mediante il Sacramento della Santa Confessione – e, dall’altra, Essa sia l’ente che in modo ufficiale - infatti, l’ACEC è una associazione cattolica - propone film che aiutano il demonio a carpire le anime a Cristo.

 

Cari fratelli e sorelle nel Signore,

arreca profonda sofferenza all’anima umilmente credente e amante del Dio cristiano, constatare come persino nei tempi forti - Avvento, in soave preparazione al Santo Natale di Gesù; e Quaresima: intenso cammino di conversione, austerità e devota sequela di Cristo, il Servo sofferente per amore - ed anche nei giorni tra i più santi dell’anno, come sono quelli delle Giornate Eucaristiche, se da una parte come Chiesa ci si propone di adorare Gesù nel Santissimo Sacramento, tenendoGli compagnia in modo più prolungato e solenne, dall’altra, nelle stesse parrocchie, proprio in tali giorni, nelle “Sale della comunità” si proiettino film sconci, che esaltano non certo il progetto di famiglia santa, così come esso è da sempre nel Cuore della Santissima Trinità; ma piuttosto presentano come allettanti certi tra i peccati più gravi: l’adulterio, l’omosessualità, la prostituzione; e malizie, volgarità e doppi sensi a non finire.

Sarà mai possibile che questi componenti dell’ACEC, che nel suo consiglio direttivo sono in maggioranza sacerdoti, si siano dimenticati queste parole dell’Apostolo? che sono per noi credenti Parola di Dio:

 

“Fatevi dunque imitatori di Dio, quali figli carissimi, e camminate nella carità, nel modo in cui anche Cristo ci ha amato e ha dato se stesso per noi, offrendosi a Dio in sacrificio di soave odore.

Di fornicazione e di ogni specie di impurità o di cupidigia neppure si parli fra voi - come deve essere tra santi - né di volgarità, insulsaggini, trivialità, che sono cose sconvenienti. Piuttosto rendete grazie!

Perché, sappiatelo bene, nessun fornicatore, o impuro, o avaro - cioè nessun idolatra - ha in eredità il regno di Cristo e di Dio.”

 

(Lettera agli Efesini 5,1-5)

 

 

Cari fratelli e sorelle,

ormai in prossimità della Santa Quaresima, pentiamoci sinceramente dei nostri peccati e con cuore umile e adorante pieghiamo le ginocchia dinanzi al vero Re d’Amore, Gesù eucaristico, implorando da Lui pietà e misericordia per tutte le anime del mondo intero e, in modo particolare, per quei figli della Chiesa che stanno deturpando con le loro scelte indegne e moderniste - tra cui questi film gravemente scandalizzanti - il volto bellissimo della mistica Sposa del Figlio di Dio, Gesù Cristo.

 

 

Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale,

abbi pietà di noi e del mondo intero!

 

 

Angelo e Sabrina

 

 

Comments