Cara anima, non ricevere Gesù Eucaristia in stato di peccato grave

 “Chiunque mangia il pane o beve al calice del Signore in modo indegno,

sarà colpevole verso il corpo e il sangue del Signore.”

 
(Prima lettera ai Corinzi 11,27)

 

 

 

Cara anima, quando sei consapevole di aver commesso uno o più peccati mortali,

non accostarti in tale stato di grave colpa al Sacro Banchetto della Comunione Eucaristica.

 

Mangeresti, infatti, la tua condanna.

 

Matura, invece, un sincero pentimento per il male commesso

e va' quanto prima a confessarti al sacerdote, il quale

nel Sacramento della Penitenza tiene il posto di Gesù. 

 

Egli desidera così tanto perdonare le anime! 

 

Allora, quando il tuo essere sarà nuovamente in uno stato di amicizia col tuo Dio e Creatore,

ristabilito mediante l'Assoluzione sacramentale, potrai tornare a ricevere con gioia

il Divino Agnello realmente presente nell'Ostia Consacrata.

 

 
P.S. A proposito, cara anima: chi ama cerca di non procurare nuove ferite e spine all'Amato.

Dio sa che siamo deboli e poveri, ma di certo il Suo Cuore attende e gradirà moltissimo

l'impegno che vorrai porre nel cercare sinceramente di convertirti.

 

Da noi stessi: nulla, nulla!

 Con la Sua Divina Grazia: TUTTO, TUTTO possiamo!

 Gloria e lode al Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo!

 
 
Comments